L’alito cattivo nel gatto: cause e rimedi

È importante affrontare il problema dell’alito cattivo nel gatto, perché potrebbe essere indicativo di una salute dentale compromessa o di altre possibili patologie; si tratta di un problema piuttosto comune negli animali, si pensi anche all’alito cattivo nel cane. In questo articolo, ne esploreremo le cause e ti forniremo preziosi consigli su come affrontare questo disturbo.

Alito cattivo gatto
Alto cattivo gatto

Alitosi nel gatto: le principali cause

L’alitosi nei gatti può derivare da diverse cause, una delle più comuni è l’accumulo di placca batterica sui denti e sulla gengiva del gatto. Questa placca può trasformarsi in tartaro, che emette odori sgradevoli e contribuisce all’alito che puzza di marcio; altre cause potrebbero includere:

  • infezioni orali
  • malattie gengivali
  • problemi digestivi o addirittura disturbi più gravi come il diabete o problemi renali. 

Un altro motivo scatenante dell’alitosi potrebbe essere la possibile presenza di vermi nel gatto: tali vermi possono causare problemi gastrointestinali, il felino potrebbe contrarli se ha accesso all’ambiente esterno o se interagisce con altri animali infetti. 

Perché l’alito del mio gatto puzza di pesce?

Un problema che potresti riscontrare è l’alito che puzza di pesce. Quest’odore può essere causato da diverse ragioni, tra cui l’accumulo di batteri nelle gengive o addirittura da una dieta ricca di pesce. In alcuni casi, l’alito che puzza di pesce potrebbe essere un sintomo di malattie renali, ecco perché una valutazione medica professionale è fondamentale per determinare l’origine dell’odore sgradevole.

Come migliorare l’alito del gatto: 5 consigli utili

Esistono diverse misure che puoi adottare per migliorare l’alito del tuo gatto. Ti proponiamo cinque suggerimenti da seguire: 

1. Visita veterinaria: la prima cosa da fare è sottoporre il tuo gatto a una visita veterinaria per una valutazione completa, solo un professionista sarà in grado di consigliare il trattamento più appropriato. Se l’alitosi fosse causata da un’infezione o da altri problemi di salute, il veterinario potrebbe anche prescrivere antibiotici.

2. Cura dentale: l’alito cattivo nei gatti, come abbiamo anticipato, può essere causato da problemi dentali come placca, tartaro o infezioni gengivali. Il veterinario eseguirà un esame dentale approfondito per identificare tali problemi e proporre eventuali soluzioni, come ad esempio spazzolare regolarmente i denti del tuo gatto con prodotti specifici, oltre a possibili pulizie dentali per garantire l’igiene orale del tuo amico a quattro zampe.

3. Alimentazione e idratazione: opta per una dieta di qualità e ben bilanciata, tra cui cibi secchi formulati per migliorare la salute dentale, aiutando a ridurre la formazione di placca; inoltre, assicurati che il tuo gatto abbia sempre a disposizione una ciotola di acqua fresca e pulita: un’idratazione adeguata può aiutare a mantenere la bocca più pulita.  

4. Giocattoli per la masticazione: fornisci al tuo gatto giocattoli per la masticazione o snack dentali approvati dal veterinario, possono aiutare a pulire i denti in modo naturale.

5. Monitoraggio: dopo aver seguito le indicazioni del veterinario, monitora regolarmente l’alito del tuo gatto per eventuali miglioramenti o peggioramenti.

Alitosi nel gattino di 5 mesi: cosa fare?

L’alitosi nel gattino di 5 mesi può avere diverse origini, tra cui problemi dentali, disturbi gastrointestinali o infezioni e come sempre, è consigliabile fissare un appuntamento con un veterinario specializzato. Ecco alcune casistiche in cui si potrebbe presentare l’alitosi nel gattino:

  • Dentizione: durante la transizione dai denti da latte a quelli permanenti, i gattini possono occasionalmente manifestare alitosi. In questa fase, i denti da latte si allentano e vengono sostituiti dai denti permanenti, causando l’irritazione delle gengive, tuttavia, una volta che i nuovi denti si stabilizzano, l’alitosi nel gattino tende a risolversi rapidamente;
  • Alimentazione: come nel caso del gatto adulto, accade molto di frequente che anche per il gattino i problemi legati all’alito cattivo siano dovuti a un’alimentazione non corretta. Il veterinario potrebbe suggerire un'indagine sulla dieta del tuo micio e consigliare un piano alimentare bilanciato.

In conclusione, l’alito cattivo nel gatto è un problema facilmente trattabile ma che richiede attenzione: non esitare a consultare il veterinario per garantire il benessere a lungo termine del tuo felino e per assicurarti che possa godere di un alito pulito e sano. Per ulteriori informazioni e consigli utili, segui tutti gli aggiornamenti sul nostro Pet Magazine!