Consigli per il cane

Cani in spiaggia: tutto quello che devi sapere

Volete portare il cane in spiaggia libera o privata ma non sapete come dovete comportarvi? Ecco alcune regole e suggerimenti da prendere in considerazione prima di portare il vostro cane in spiaggia; e di valutare tutto ciò di cui ha bisogno l’animale.
cani in spiaggia
cani in spiaggia

Le regole per portare il cane in spiaggia libera e negli stabilimenti privati

Come tutti, anche il cane può tranquillamente occupare la spiaggia libera a patto che sia legato al guinzaglio o indossi la museruola. Queste regole decadono solo negli spazi appositi a lui dedicati, nei luoghi dove vigono regole specifiche per la custodia degli animali in spiaggia o negli stabilimenti privati dove le norme vengono definite dai gestori dei singoli impianti. È opportuno informarsi prima di recarsi in uno di questi luoghi in modo da non arrivare impreparati ed essere costretti ad andarsene in cerca di uno spazio in grado di ospitare il nostro pelosetto.

Consigli su come comportarsi con il cane in spiaggia

Raccogliere sempre i bisogni del proprio cane

I possessori dei cani sanno che devono sempre raccogliere i bisogni del proprio cane, a maggior ragione in spiaggia dove oltre al decoro è importante pulire tutto velocemente per evitare spiacevoli inconvenienti. Munitevi quindi di paletta e sacchetti e raccogliete tempestivamente gli escrementi del cane così che tutti possano godere della spiaggia in sicurezza.

H3: Portare sempre con sé dell’acqua e stare più leggeri con il cibo

Alcune spiagge sono isolate o non presentano bar e ristoranti nelle vicinanze, per questo è sempre opportuno portare con sé dell’acqua per dissetare il cane. In spiaggia, infatti, sole e movimento possono portare facilmente il nostro amico a quattro zampe alla disidratazione. È fondamentale quindi lasciare alla sua portata o offrirgli costantemente dell’acqua controllando che non sia diventata calda. La stessa cosa vale per il cibo, in questo caso è preferibile alimentare Fido in maniera leggera prima della spiaggia e solo al ritorno alla propria abitazione proporre un pasto più consistente. Questo eviterà di appesantire il cane in una situazione dove le temperature possono essere particolarmente alte e influire anche a livello digestivo.

Trovare un posto all’ombra dove il cane può sdraiarsi

Il sole può essere un nemico insidioso per il nostro animale, come noi può scottarsi se esposto ai raggi ultravioletti, quindi il cane va tenuto al sicuro in spiaggia. Per questo motivo in commercio esistono creme apposite da poter usare sul nostro amico a quattrozampe. Tuttavia, oltre ad una crema protettiva, è bene mettere a disposizione del cane un posto all’ombra dove può sdraiarsi e riposarsi tra una nuotata e l’altra. Ricordiamo inoltre che anche se le zampe di Fido sono resistenti e forti, se esposte ad alte temperature come quelle che a volte raggiungono sabbia e scogli, possono scottarsi anche in modo grave. Anche per questo, l’ombra può essere un valido alleato per il cane come per noi.

Non sottovalutare la pericolosità della sabbia

Non va sottovalutata la pericolosità della sabbia quando questa entra in contatto con occhi e mucose. Il nostro cane, infatti, giocando potrebbe ferirsi o anche solo graffiarsi con la sabbia. A volte può bastare avere con sé una bottiglia d’acqua usata per sciacquare il cane all’occorrenza, quando questo non basta è meglio non cercare di risolvere il problema da soli ma è consigliabile rivolgersi ad un veterinario.

Anche il contatto con la pelle potrebbe provocare irritazione soprattutto quando la sabbia si incastra con il folto pelo; in questi casi è possibile fare una doccia dolce al cane che lo aiuterà anche a evitare irritazioni dovute all’acqua salata.

Ora che conoscete qualcosa in più sulla gestione del cane in spiaggia, scoprite anche altri consigli utili sul nostro Pet Magazine!